Olio extravergine Tratturello

Confezioni a partire da 12,00

Il Tratturello 2016 è stato ottenuto da tre oliveti di proprietà nel comune di Larino. La cultivar prevalente è l’autoctona Gentile di Larino.

Il risultato è un extravergine mediamente fruttato con profumi di erba tagliata e mandorla verde all’olfatto,  al gusto è piuttosto equilibrato nel piccante e nell’amaro.

Cancella selezione
Qty
COD: N/A Categoria:

Descrizione prodotto

Annata 2016

L’annata 2016 è stata certamente una tra le annate più difficili per l’olivicoltura italiana. In Molise, la regione in cui è prodotto questo extravergine, il calo produttivo ha superato il 50% della produzione così come in quasi tutte le zone olivicole italiane. I motivi di questo calo produttivo sono da attribuire a particolari condizioni climatiche che da una parte non hanno favorito l’allegagione dei frutti di alcune cultivar d’olivo, dall’altra hanno permesso la straordinaria proliferazione della famigerata mosca olearia che danneggia irrimediabilmente le olive e quindi pregiudica la possibilità di ottenere un buon olio extra vergine. L’attenta selezione delle olive e la lavorazione attenta ed immediata in frantoio hanno comunque permesso di ottenere un ottimo olio extra vergine, sebbene scarso nelle quantità prodotte.

Dubbi? Scrivici!

Product Features

L’etichetta di un extravergine

Il termine Extravergine d’oliva contiene in se delle garanzie di legge che sono legate agli aspetti sia chimico-fisici dell’olio che organolettici.
Quest’ultimo, l’aspetto organolettico, è molto importante in quanto l’olio è uno dei pochissimi prodotti che, per essere classificato, necessità di un’analisi al gusto ed all’olfatto.
La normativa afferma che un extravergine per essere tale, non deve avere difetti al gusto ed all’olfatto.
Ma cos’altro troviamo in etichetta o meglio, cos’altro dobbiamo cercare?
 Continua a leggere...

Come riconoscere un buon olio extra vergine


Forse non sembra così semplice ma in realtà è molto facile riuscire a percepire la qualità di un olio extra vergine d’oliva (EVO) 
Ma quali strumenti abbiamo a disposizione oltre all’etichetta che ci fornisce indicazioni merceologiche e sulla provenienza?
Certo non abbiamo un laboratorio chimico a disposizione per farne delle analisi ma abbiamo uno strumento, anzi due, che ci permettono di capire inequivocabilmente se siamo di fronte ad un extravergine: naso e papille gustative! Continua a leggere...