Il pomodoro domani a casa!

pomodorini_grandi_web

Agricoltura sociale

La particolare sensibilità che fa parte del suo carattere e le esperienze vissute da vicino – la zia, Antonella Franceschini, è deceduta in giovane età per una patologia oncologica – hanno decisamente spinto Caterina, Pardino ed i ragazzi verso una forma di agricoltura sociale molto particolare. Con la collaborazione di alcune psicologhe e del Centro Culturale “AFRA” di Larino, dedicato ad Antonella, la loro azienda consente alle persone che sono in fase di riabilitazione dopo terapie chemioterapiche disabilitanti di tornare alla vita partendo dal loro orto. Un modo dolce e gentile di riprendere contatto con la natura, con i suoi ritmi e con quelli del proprio corpo.

È proprio quella forza centrifuga da cui possono nascere magnifiche rivoluzioni, come dice Caterina, che si avverte scambiando due parole con i Venditti e che loro riescono a trasmettere a chi ne ha di nuovo bisogno dopo un periodo buio della propria esistenza
I loro prodotti – salsa, conserve, pomodorini, sughi pronti – sono proprio come quelli che ogni mamma preparerebbe ai propri figli: un concentrato di passione per la terra e per la vita.