Il Blog di Terrevere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Evviva la pasta

Stefania Fraschini
Stefania Fraschini

La pasta italiana famosa in tutto il mondo! E quanti tipi ne possiamo trovare!
Se è semplice riconoscere i diversi formati disponibili, seppur se ne vedano sempre di nuovi, non sempre è facile riconoscere le differenze tra un pacco di pasta ed un altro.
La pubblicità, le confezioni colorate più o meno accattivanti possono fare la differenza? E il prezzo?
Le differenze sono molteplici a partire dalle materie prime; pochi elementi ci regalano un prodotto così unico: acqua e farina.
Diverse le farine, diversi i grani, diversi i metodi di coltivazione, diversi i modi e i tempi per macinare il grano, diversi i tempi di essicazione senza volersi poi addentrare nei modi e nei luoghi della loro conservazione, nonché la qualità dell’acqua utilizzata.
Tutto concorre all’unicità del prodotto finale.
Purtroppo il grano Made in Italy non è sufficiente per soddisfare la richiesta di pasta dal solo mercato italiano. Come dichiarato nel 2019 dal presidente di Italmopa, l’associazione che raggruppa le aziende che lavorano grano tenero e grano duro: «Per avere pasta a scaffale nei supermercati tutto l’anno, dobbiamo necessariamente importare. Se utilizzassimo solo la produzione italiana, troveremmo la pasta in vendita solo quattro mesi all’anno». (https://www.ilsole24ore.com/art/pasta-il-grano-made-italy-basta-appena-quattro-mesi-all-anno-ACz8v9U).
Poi però piccoli produttori che non lavorano con le grandi industrie alimentari, hanno ancora il pregio di coltivare e lavorare grani destinati alla produzione di paste artigianali.
Forse, dando un’occhiata in più all’etichetta potremmo capire anche le differenze di prezzo delle paste o quantomeno conoscere l’origine del prodotto.
Paste di grano tenero, di grano duro, di grani antichi, biologiche, con farine di farro o di Kamut, paste aromatizzate, paste colorate!
Possiamo trovare davvero pasta per tutti i gusti! Ecco, questa è la parola chiave: il gusto!
Il senso del gusto è un insieme di profumi e sapori che creano sensazioni ed emozioni!
Già nel cuocer la pasta, si possono sentire i profumi del grano, e poi guarda che schiuma: è l’amido! Ecco forse possiamo sfruttare queste sue caratteristiche, ed esaltarne ancora di più il gusto, aggiungendo al condimento quel famoso cucchiaio di acqua di cottura. Oppure, semplicemente condendo con del pomodoro, si creerà quella magica cremina, così che sarà obbligatorio fare la cosiddetta “scarpetta”.
Evviva la pasta, la pasta italiana, la pasta di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *