La stagionalità è obsoleta?

Proprio mentre lavoriamo alla progettazione dell’orto di Terrevere, pagine di giornali e telegiornali sottolineano in questi giorni come il maltempo, che ha investito il sud Europa nel mese di gennaio, abbia provocato quello che è stato definito l’effetto gelo sui prezzi delle verdure.
Si sono registrati aumenti dei prezzi superiori al 20% per molti tipi di verdure ed addirittura razionamenti in alcuni supermercati del nord Europa che hanno riportato alla mente i tempi di guerra.

La situazione più difficile si registra in Inghilterra dove in alcuni supermercati mancano la rughetta, le melanzane e le zucchine ma sono anche stati introdotti limiti agli acquisti come in tempi di guerra nella catena Tesco che ha affisso cartelli per vietare di acquistare più di 3 cespi di lattuga per evitare accaparramenti. In carenza di verdure europee alcuni distributori hanno tentato la via delle importazioni oltre oceano dagli Stati Uniti che tuttavia risultano particolarmente costose e di minore qualità, anche per i tempi più lunghi di trasporto

Possiamo parlare di carestia da tempi di guerra anche se vorremmo mangiare  pomodori, zucchine e melanzane a gennaio?
La stagione delle zucchine delle melanzane e della lattuga è l’estate non certo il pieno inverno.
E’ evidente che, di fatto, la stagionalità dei prodotti è ormai ignorata dai consumatori, e sia chiaro,  questo non è  affatto male, è frutto della tecnologia e della genetica applicata all’agricoltura.

Quindi mangiare pomodori tutto l’anno è fantastico ma chi è consapevole del fatto che sono coltivati sotto serre riscaldate attraverso energia prodotta da combustibili fossili? Ma soprattutto, chi ha compreso quindi, che l’effetto gelo sui prezzi nascondeva l’ennesima speculazione?

Poi ci sono gli ortolani, quelli che aspettano le fasi lunari per seminare e per piantare, quelli che conservano i semi, quelli che preferiscono qualche erba infestante agli erbicidi.
E’ agricoltura romantica e obsoleta? Antieconomica?
Fortunato è chi può avere un orto!

0 Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published.